Come comunicare l’Ecodesign e la sostenibilità di prodotto?

Oggi è impensabile che un’azienda progetti senza tenere conto del ciclo di vita completo dei prodotti.

Il design sostenibile, che mette al centro una progettazione consapevole, fa sempre più parte della responsabilità delle imprese di oggi e impiega le risorse in maniera efficiente riducendo al contempo la quantità di rifiuti.

Vediamo innanzitutto quali sono i principi dell’Ecodesign, che hanno lo scopo di ridurre l’impatto ambientale complessivo di un prodotto:

  • dall’approvvigionamento e all’impiego le materie prime devono essere riutilizzabili, biodegradabili, riciclabili e non tossiche;
  • la lavorazione nel processo produttivo e la distribuzione devono rispettare la direttiva dell’UE sull’ecodesign (Direttiva 2009/125/CE), in termini di efficienza energetica e di ridotto impatto ambientale.
  • infine il consumo del prodotto e la possibilità di riutilizzo concorrono nel definirlo eco e sostenibile. Più un prodotto è riutilizzabile (anche grazie alla modularità), riciclabile o biodegradabile più è ecologico.

Quando si fa Ecodesign non si parla solo di prodotto ma di tutti i suoi annessi in catena del valore: il pack, l’esperienza, il trasporto, il controllo delle materie prime che e già insito, la second-life del prodotto, le decisioni che riguardano il prezzo e il target. Tutte queste dimensioni hanno il potere di determinarne la percezione sociale, l’accessibilità e la diffusione del prodotto.

Non ultimo il modello di business: contribuisce all’affermazione per gli impatti economici e di rafforzamento dell’equità sociale. Se è vero che si deve avere successo, è anche vero che non si possono spingere modelli di business che abbiano solamente un impatto fortemente speculativo.

Ma arriviamo ai diversi modi per comunicare efficacemente il proprio impegno d’impresa:

  • raccontare la politica di medio termine, le azioni, gli indicatori e gli obiettivi in un Rapporto di Sostenibilità o Value Report
  • impegnarsi per ottenere delle certificazioni ambientali nazionali ed internazionali (ISO 14000, Ecolabel …) o adottando sistemi di gestione ambientale
  • Fare una misurazione dell’impatto del prodotto attraverso la metodologia del Life Cycle Assessment, così da identificare aree di miglioramento e porsi nuovi obiettivi a medio termine.
  • Tradurre i risultati ottenuti attraverso paragoni semplici e immediati (es. risparmio CO2 equivale a numero di alberi necessari per assorbire la stessa quantità di CO2 in un anno)
  • Raccontare l’impegno anche il durante della vita del prodotto, educare il cliente/consumatore al riuso o, laddove non sia possibile, ad un corretto smaltimento

Tutto ciò va raccontato con trasparenza, veridicità, spiegando l’impatto per la comunità di riferimento. Oggi Ecodesign ed economia circolare costituiscono insieme il primo passo verso un’economia sostenibile a 360°: economica, sociale e ambientale.

Value chain re-design per un’industria a maggior impatto sociale

La catena del valore descrive la struttura di un’organizzazione attraverso i processi che determinano la creazione di un prodotto o di un servizio passando da attività primarie e attività di supporto. In un senso più lato, la catena del valore individua anche l’insieme delle dinamiche dell’indotto/ filiera che incidono sulle scelte e sui processi dell’impresa determinando valore e caratteristiche dell’offerta in generale.

Se la struttura della catena del valore veniva in passato definita solo tenendo conto di obiettivi di efficienza e di creare un vantaggio competitivo per l’azienda, oggi anche gli obiettivi di maggiore impatto positivo di quella data produzione possono determinare scelte imprenditoriali che si traducono in riorganizzazione dei processi.

La logica moderna, quindi, diventa quella di creare allo stesso modo vantaggio per l’azienda e per il mondo esterno, dove il vantaggio per l’impresa già si amplifica grazie alla maggiore reputazione che essa conquista agli occhi dei consumatori attenti a temi sociali e ambientali e alle ricadute delle azioni dell’impresa sulla comunità di riferimento (locale e globale).

Il Fair Trade nella comunicazione d’azienda

Il fair trade, o commercio equosolidale, mette al centro della relazione commerciale la dignità dell’uomo e il rispetto per l’ambiente.

L’obiettivo? Trasformare il commercio globale promuovendo condizioni di scambio più eque, in modo che tutti i produttori di materie prime possano vivere e lavorare in modo sicuro e sostenibile, realizzare le proprie potenzialità e decidere del proprio futuro. In una parola: empowerment.

Quindi un prodotto fair trade aiuta a garantire ai produttori una stabile e corretta retribuzione, favorendo lo sviluppo delle loro attività e permettendo loro di imboccare una strada per uscire dalla povertà.

Ecco che ritorniamo ai principali Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SGDs):

Tutti cambieremo dopo il COVID19. Come ritrovare gli stakeholder con il Value design e ripartire insieme

Con il passare dei giorni e con la prospettiva che l’emergenza Coronavirus possa portare via altre settimane di attività, lavoro, ricavi e relazioni alle imprese, si sta rendendo evidente una questione che all’inizio di questa epidemia poteva sembrare trascurabile.

La questione è che stiamo avendo tanto, anche troppo tempo, per fermarci a pensare e, oltre tutto, queste settimane ci stanno cambiano profondamente, come individui e come imprenditori e al rientro da questo periodo in cui tutto pare essersi un po’ bloccato saremo tutti un po’ diversi e avremo tutti rimesso ordine nelle nostre priorità valoriali, operative, commerciali, lavorative.

Affronta il passaggio generazionale con il value design

Arriva quel momento nella vita delle imprese familiari nel quale bisogna affrontare il passaggio generazionale e la ripresa d’impresa. Spesso ci si trova di fronte un gap tra informazioni e comunicazione e si perdono di vista i ruoli delle persone, creando così tensioni e malcontento. Oltre alle questioni di ingresso e trattamento dei familiari in azienda, serve molta cautela nella gestione del know-how, dei valori e del patrimonio di conoscenze e di competenze aziendali sviluppate negli anni.

Perché è un vero innovatore solo chi ha capito come produrre ricaduta sociale reale

La sostenibilità dei processi produttivi e la responsabilità sociale d’impresa sono elementi sempre più centrali nelle attività di enti e imprese e già da anni giocano un ruolo importante nell’influenzare le scelte di consumatori e aziende.
le Organizzazioni, con scopi di lucro e non, possono quindi fare in modo di avere un impatto sociale, diretto o indiretto, attraverso una serie di azioni che vengono pianificate e poi attuate:  offerte di lavoro alla comunità, scelte interne che favoriscano la sostenibilità antropica e l’attuazione di politiche di welfare mirate ai bisogni delle persone come singoli e come aggregate in comunità, valorizzazione della cultura del territorio che ospita l’Organizzazione, educazione e servizi alla comunitá, attività di advocacy e difesa di valori etici e diritti fondamentali per la comunità.
Questa scelta, all’interno di progetti nascenti, può addirittura determinare la value proposition  al punto da rivelarsi alla base del raggiungimento di obiettivi di core business.