Le parole che non potrai più ignorare nel 2020

Le parole che non potrai più ignorare nel 2020

Oggi ti spiego il significato di alcune parole che forse non hai ancora sentito, oppure che conosci, ma magari non sai quale importante significato racchiudono e perché presto entreranno nell’universo dei tuo lessico lavorativo, cambiando il tuo modo di pensare.

Ecco qui, quindi, le tue nuove parole passepartout e il loro significato:

  • Impact investing: intende quella concezione per cui capitali di proprietà di privati e fondi possono essere investiti in attività che abbiano un impatto di tipo pubblico (sociale, ambientale,..) misurabile, oltre che un rendimento economico. I soggetti dell’impact investing sono imprese, organizzazioni, fondi, fondazioni di impresa, ecc e oggi sempre più chi investe lo fa con l’intenzione di contribuire allo sviluppo economico di un’iniziativa che aumenti il capitale d’impresa nelle sue diverse dimensioni (finanziaria, naturale, intellettuale, sociale, umano, produttivo).

  • Integrated reporting o report integrato: è un documento di comunicazione pubblica che spiega in maniera circostanziata come la strategia, la governance e la performance di una impresa producono impatto sul breve, medio e lungo periodo. Creare questo report periodicamente mette l’azienda nella condizione di misurare a valorizzare il proprio impatto con costanza e di approfondire le dinamiche che la inducono a produrre impatto potenziandole o modificandole.
  • Integrated thinking: é il metodo migliore per portare a termine un report integrato all’interno di un’organizzazione e prevede il confronto di tutte le persone impiegate nella stessa nonché un processo condiviso di decision making, gestione delle imformazioni  e report con l’obiettivo di individuare i fattori interni che generano valore.
  • B-Corp: è il nome di una certificazione diffusa in 71 paesi e 150 settori diversi, rilasciata alle aziende da B Lab, un ente non-profit internazionale. Una B-Corporation o “impresa benefit” è un’azienda che, lavorando in modo responsabile e trasparente, sta riscrivendo il modo di fare impresa, spostando la sua attenzione sull’impatto positivo che può portare al contesto circostante sociale, economico e ambientale. Essere una B-Corp, oggi, ti permette di: differenziarti sul mercato sulla base dei tuoi valori, abituarti a misurare le tue performance che non sono solo economiche, attrarre investimenti, guidare il cambiamento globale facendoti promotore dei valori che lo condizionano, attrarre talento e professionisti con capacità e aspirazioni elevate e efficientare i costi.
  • Standard GRI: sono i parametri per la rendicontazione della sostenibilità (nelle sue diverse dimensioni, economica, sociale, ambientale) sviluppati dalla Global Reporting Initiative, una organizzazione non profit internazionale nata con l’obiettivo di far comprendere al pubblico e al privato come misurare, comunicare e riprogettare il proprio impatto.
  • CVO o Chief Value Officer: è il professionista all’interno di un’organizzazione che si occupa del processo di Reporting Integrato previsto dalla normativa italiana, capace di stimolare, monitorare e rappresentare il complessivo valore dell’impresa, impiegando tutti i capitali, tangibili ed intangibili, che l’impresa utilizza nella sua attività economica.
  • Investimento filantropico: il mondo della filantropia sembra quasi dimenticato, ma oggi è una grande opportunità. L’investimento filantropico è l’investimento fatto da privati su iniziative che abbiano scopi di impatto sociale a beneficio si persone in difficoltà. La sua portata e capacità di impatto, in un mondo di nuove iniziative imprenditoriali e associative innovative e con queste finalità, è ampiamente sottostimato. I beneficiari di un’azione di investimento filantropico possono essere interi gruppi di attori, filiere e cluster connessi alla finalità individuata.
  • Impact assessment: si applica ad ogni progetto e in sintesi è un processo che serve a identificare e misurare l’impatto che lo stesso può avere nel futuro su un contesto definito. Se vuoi approfondirlo leggi anche questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Up Next:

Hai fatto il tuo impact assessment?

Hai fatto il tuo impact assessment?